L´ultimo oltraggio

Stupidità o voglia di punire i cittadini che hanno osato dissentire dall’impostazione dell’amministrazione sulla vicenda ex Fat? Sono queste le uniche idee che ci sono venute in mente quando abbiamo appreso che qualcuno vuole far uscire i camion del cantiere ex Fat per via Borgo Farinario, corso Vittorio Emanuele e porta S. Maria Maggiore. È una follia, che per anni renderebbe la vita difficilissima a un intero quartiere: sono almeno una quarantina le famiglie direttamente interessate, oltre a un albergo, un bar, un negozio di abbigliamento, un internet point e una chiesa. Senza considerare il disagio che si arrecherà a cittadini e turisti che si inoltreranno in quella che è forse la parte più bella del centro storico di Città di Castello. Eppure ci sono soluzioni alternative: si tratta di valutare tutte le ipotesi possibili e scegliere, assieme ai residenti, quella meno dannosa. Non è poi così difficile. Basta avere la volontà di fare le cose. Ed è grave che si sia arrivati all’inizio dei lavori senza aver elaborato un piano operativo dettagliato. E si ripercorra, come gli asini, la solita strada di sempre. C’è solo da augurarsi che i cittadini residenti non accettino passivamente l’ennesimo oltraggio. Oltre al danno di una costruzione assurda che rende più brutta e volgare la città, che venga almeno risparmiata loro la beffa di doverne subire le conseguenze più pesanti.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici nostri e di terze parti. Cliccando o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie
Cosa sono i cookies ?