Venerdì, 10 Luglio 2020

libreria acquista online

Come viene selezionato il corpo docente

INSEGNANTE PER CASO

A partire dai primissimi anni ’70 si sono succedute una lunga serie di riforme normative che hanno sottratto la scuo­la dal retaggio gentiliano di “scuola esclusivista” per avviarla oggi lungo la strada dell’essere una “scuola per tutti, secondo i bisogni di ciascuno”. Se da un lato abbiamo una normativa ambi­ziosa, dall’altro abbiamo una messa in opera quantomeno artificiosa. Il reclutamento dei docenti, la loro formazio­ne richiesta come necessaria e fondamenta­le, è stata più volte rivista, corretta, cancella­ta, riscritta, ricorretta, ricancellata e riscritta di nuovo. Un po’ come una Penelope isterica, il Ministero e tutte le sue commissioni hanno messo più volte le mani su questa tela intricata tessendola e disfacendola con un ritmo freneti­co, senza fine e quasi senza senso.

La classe do­cente ha rappresentato negli anni un elettorato facile e questo, complici i sindacati, ha di fatto reso possibile una certa malleabilità dei criteri. Entrare in una classe adesso richiede come non mai una certa professionalità, fatta di basi pe­dagogiche, conoscenze culturali e normative, oltre che una naturale come viene selezionato il corpo docente articolo altrapagina it 1predisposizione all’inse­gnamento, alla guida. Molti ti dicono: «Sono di­ventato docente per insegnare la materia». Che vuol dire insegnare la materia? Salire in catte­dra e asetticamente parlare di asintoti, basi e acidi e Leopardi dando definizioni, citazioni e risultati di reazioni senza pensare al pubblico di fronte? No, questo non risponde più all’es­sere docenti oggi. Il docente che oggi entra in classe deve oltrepassare quella soglia non con la stessa disinvoltura con cui entrerebbe in qualsiasi altro ambiente, ma con la consape­volezza che sta per entrare in 1B piuttosto che in 1F. Che ogni classe ha i suoi alunni con le loro particolarità e il suo compito non è quello esclusivo di trattare degli asintoti piuttosto che delle titolazioni acido-base, ma di fare in modo che ciascuno di quegli alunni che costituiscono la 1B realizzino il proprio successo formativo. Che è un concetto più ampio, maggiormente carico di responsabilità e che maggiormente necessita di competenze. Per questo non ci si improvvisa docenti dall’oggi per domani.Eh, già: non ci si improvvisa docenti dall’oggi per il domani!Eppure la realtà non dà conferma di quanto af­fermiamo. Il reclutamento dei docenti, materia di ogni governo che abbia fatto la storia, è stato sempre un terreno pieno di insidie. Se il reclu­tamento dei docenti ha destato non poche que­stioni, quello dei docenti di sostegno di certo lo ha superato di gran lunga.

Chi sono gli inse­gnanti di sostegno? Sono docenti formati negli anni con appositi corsi dalle sigle strane: TFA, SSIS, … , inseriti nelle classi laddove è presente almeno una certificazione ai sensi della legge 104/92 per facilitarne gli apprendimenti. Fara­one aveva parlato addirittura di una iperspecia­lizzazione in tutte le possibili diagnosi che si sarebbero potute trovare a scuola. Quindi: spe­cializzazione - iperspecializzazione. Docenti al­tamente formati, insomma. Anzi, di più, di più.Già il fatto di dividere le competenze degli in­segnanti all’interno di una stessa classe seppel­lisce il concetto di inclusione, perché sarebbe come dire: “questi alunni sono competenza mia”, “quell’alunno è competenza tua”, un po’ alla Checco Zalone: «i figli dei drogati a destra, i figli dei carcerati a sinistra». Ma il massimo dell’assurdo si è raggiunto quando il TAR, coi suoi ricorsi nominali, ha consentito l’accesso in graduatoria in seconda fascia (dove sono collocati coloro che hanno abilitazione, ma at­tendono accesso in prima) a coloro che sono in possesso di solo diploma di perito tecnico o operatore professionale.

Quando gli istituti nominano su sostegno intersecano le fasce del­le graduatorie, che in totale sono tre, creando un’unica fascia ordinata secondo le tre fasce e poi per punteggio, per cui come esito di que­sto provvedimento tutti i diplomati di cui sopra “passano avanti” ai laureati. Quindi quello che è successo è che da un giorno all’altro, ti ritrovi a pianificare didattiche per alunni con “bisogni educativi speciali”, quindi che necessitano di “speciali attenzioni”, “professionali attenzioni”, persone che il giorno prima tutto pensavano tranne che alla scuola. Pure in fila alla cassa del supermercato si parlava di andare dai sindacati, perché loro avrebbero trovato il modo per entra­re nel mondo della scuola a fare il sostegno.Come dicevo sopra, entrare in una classe adesso non è come 50/60 anni fa, quando arrivava il telegramma da qualche scuola di campagna e il maestro partiva in sella alla propria bicicletta pensando anche di procurarsi qualche “torco­letto” per accendere la stufa. Gli alunni arriva­vano trafelati dai lavori in famiglia e non chie­devano altro che una leggera alfabetizzazione dopo la Guerra. Adesso quello che viene richie­sto a questi docenti è ben altro che parlare di peso netto, peso lordo e tara. Parliamo di sa­per affiancare e lavorare con sindromi di Down piuttosto che con Asperger, Alti Funzionamen­ti, Disturbi Oppositivi Provocatori, Ritardi Cognitivi Gravi, Medi, Funzionamenti Limite, … e tutte le svariate forme che non stanno in mezzo alla campana di Gauss, che rappresen­ta la “Normalità”, ma tutte le sfaccettature che stanno sui rami ai bordi.

Tutto questo richiede una professionalità che non può essere improv­visata, che non si costruisce dall’oggi per il do­mani con Google alla mano. Richiede una pre­parazione approfondita e consolidata, sempre accompagnata da una naturale predisposizione all’empatia e alla relazione. Non si può pensare di arrogarsi il diritto di entrare in classe perché quella domanda era stata fatta perché non si sa mai, sulla scia di una rivoluzione iniziata da chi non ha avuto a cuore le vite di queste persone. Perché realizzare l’inclusione in queste condi­zioni è più una questione di fortuna o magari di scrupolo personale, che di professionalità. In­vece uno Stato serio, una organizzazione seria, al servizio dei cittadini dovrebbe garantire il successo a prescindere, selezionando personale adeguato e non il primo capitato perché aveva fatto la domanda “che non si sa mai”, che quel giorno era dal parrucchiere e ha sentito che tut­ti entrano nel sostegno. Non si può entrare nel­la scuola pensando di fare il proprio tornacon­to: ma sì, agli incontri di programmazione non vengo perché non servono a niente e pensan­do di fare i propri conticini: prendo dieci ore di laboratorio e otto di sostegno, così arrivo a cattedra piena. Non esiste una tale improvvisa­zione in nessun’altra professione. Non mi pare che chiamino all’ospedale dando l’opportunità di prendere due ore di sala operatoria, due in pronto soccorso e, perché no?!, due in radiolo­gia così si va in pensione pure prima.

Forse prima di risolvere questa questione così intricata, dove gli interessi che concorrono sono di molti, riusciremo a trovare il Sacro Graal o addirittura l’ago nel pagliaio. Quello che è certo è che se non è lo Stato a garantire i diritti di chi ne avrebbe più bisogno, forse potremmo fare del nostro utilizzando un po’ di sana coscienza e di consapevolezza che non si può pensare di saper far tutto o di pensare a prendere e poi per il resto qualcuno provvederà. La vita, soprattut­to di chi ha speciali bisogni, non va costruita sulle occasionalità o sulla fortuna, ma su soli­de basi che permettano una strutturazione di un progetto che prosegua anche oltre la scuola. Un insegnante può sempre far la differenza. In questi casi la fa di più.

Di Romina Ciribilli


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00