Venerdì, 10 Luglio 2020

libreria acquista online

Sansepolcro: abbattuto l’antico stabile di maioliche di Primo Tricca

MAIOLICHE TRICCA

Tra ottobre e novembre a Sansepolcro in Via Fontesecca è stato abbattuto un fab­bricato apparentemente insignificante, ma che come tutte le cose aveva vissuto una sua storia e che in questo caso ave­va portato lustro alla città per molti decenni tra Ottocento e Novecento. Parliamo della Fabbri­ca di Maioliche di Primo Tricca che tra alterne vicende fu protagonista della vita economica di Sansepolcro per 138 anni, dal 1825 al 1963.

tricca4Agli inizi del Novecento Carlo Signorini, se­gretario della Camera di Commercio ed Arti di Arezzo, ci segnala a Sansepolcro «una fabbrica di maioliche comuni e fini, di terraglie brune, tubi per condutture in terra cotta pressati» che utilizza ben «quattro fornaci per le varie quali­tà di lavoro». La produzione di questo opificio, fondato da Giovanni Tricca nel 1825, che già a fine Ottocento era stata premiata con medaglia d’oro dal Ministero di Agricoltura Industria e Commercio e aveva ricevuto anche altre meda­glie e molte altre menzioni onorevoli, era spe­cializzata nella realizzazione di «tubi di terra cotta per condutture di acqua del diametro interno dai 50 ai 200 millimetri, internamente invetriati, resistenti a una pressione fino a 25 atmosfere» come si legge nella carta intestata del 1900. Tuttavia la sua attività spaziava ben oltre gli impianti idrici e sanitari e come si leg­ge nella pubblicità del periodo andava da «una speciale manifattura di cartelli in maiolica» «con fondo bianco e iscrizione turchina» per la «numerazione delle case e per gl’indicatori delle strade» alla realizzazione di «lettere in ri­lievo smaltato in bleu di varie grandezze»; da «idrometri smaltati, quadrelle parimenti smal­tate per pavimenti» a «tubi da drenaggio e per la conduttura delle ac­que»; da «vasi da fiori e da agrumi» a «stufe per salotti e camere».

Nel 1911, alla data del primo Censimento dell’industria, la fabbri­ca di maioliche di Pri­mo Tricca dava lavoro a 25 operai e il salario poteva dirsi “buono”. A Sansepolcro, come ac­cusavano i socialisti dal­le colonne del loro setti­manale “La Rivendica­zione”, a tenere basse le paghe era la presenza della Buitoni con alti livelli occupazionali e la giustificazione che garantiva lavoro con con­tinuità annuale. Tuttavia anche nella fabbrica di ceramiche si lavorava per tutto l’anno e agli inizi del Novecento i lavoratori della fornace di Primo Tricca, esclusi i ragazzi e gli apprendisti «rimunerati con piccoli salari», percepivano una mercede compresa tra 1,60 e 1,80 lire al giorno, superiore a quella della Buitoni che si può stimare mediamente un 20-25% più bassa.

targa triccaIn ogni caso l’importanza della fabbrica di ma­ioliche Tricca è dovuta più allo sviluppo del suo mercato di vendita che al numero dei dipen­denti. Infatti le targhe smaltate di bianco con le iscrizioni e i numeri in colore turchino invase­ro le ferrovie del Regno così come le strade di molti comuni per l’indicazione toponomastica delle piazze e delle strade e la numerazione ci­vica dei fabbricati.

Dal 1917 la conduzione dell’azienda passò ad Angiola (Emma) Tricca, figlia di Primo, e al ma­rito Valentino Mercati. La ditta però conservò il nome di Primo Tricca e con questa ragione so­ciale la troviamo iscritta nel 1925 nel Registro imprese della Camera di Commercio di Arezzo come Società di fatto.

 

Nel 1929, conservando la sede principale in via Fontesecca, venne aperta una succursale in via­le Diaz, che però verrà chiusa nel 1938, e una filiale in Citerna nei pressi della cave di argilla con lo scopo di sviluppare lo sfruttamento di questo materiale per fini commerciali.

Negli anni Quaranta, dopo la morte dei coniugi Tricca e Mercati, la conduzione della fabbrica di ceramiche passò per successione a Primo e Assuntina di Angiolo Tricca. Nel 1943, come per molte altre imprese, furono gli eventi bellici a far cessare l’attività per mancanza di lavoro.

Riaprì nel 1953 con una “nuova ditta attiva nel­la fabbricazione di terrecotte artistiche e comu­ni, denominata Fabbrica Artigiana Terrecotte Artistiche (FATA)”, che però, come ci racconta Valentino Minocchi, nel 1958 abbandonò la produzione di maioliche industriali e s’indiriz­zò verso la produzione artistica. Cessò la produ­zione definitivamente nel 1963 decretando così la fine dell’attività manifatturiera della famiglia Tricca, a cui rimase l’estrazione, la vendita e la lavorazione dell’argilla per la produzione di ma­nufatti ceramici nella Società Ceramica Sanse­polcro in località Fighille nel comune di Citer­na. Nel 1971 anche la sede di Sansepolcro in via Giovanni Buitoni 19 della Società Ceramica Sansepolcro lasciò la città toscana e venne tra­sferita presso la sede operativa in via della Cava 2 bis a Fighille nel comune umbro di Citerna, dove ancora oggi quest’impresa estrae, lavora e commercializza in gran parte della penisola la preziosa argilla denominata “Terra Citernae

Ulteriori dettagli sulla fabbrica di maioliche Tricca di Sansepolcro si possono trovare sul nu­mero del mensile “L’eco del Tevere” di dicembre 2019, distribuito gratuitamente da Saturno Co­municazioni.

di Claudio Cherubini


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00