Martedì, 07 Aprile 2020

libreria acquista online

Cosa ci dicono le fotografie...

OSSERVATIO STAMPA. Sfoglianto le cronache locali

osservatorio stampa1Abbiamo dato uno sguardo alle crona­che locali dei due quotidiani di mag­giore diffusione – “Corriere dell’Um­bria” e “La Nazione” – per renderci conto di quali politici nostrani hanno avuto maggiore visibilità “fotografica”. Ci sia­mo soffermati sulle cronache dall’Alto Tevere umbro, senza prendere in considerazione quel­le regionali. Il periodo preso in esame va dal 15 dicembre 2018 al 15 dicembre 2019. Quasi un anno intero, perché talvolta le cronache non le abbiamo proprio potute sfogliare. Comunque sia, i 326 giorni presi in esame sono un periodo davvero molto indicativo.È bene premettere che questa indagine è mossa da pura e semplice curiosità; non ci vogliamo tirar fuori chissà quale valutazione politica. An­che perché – lo sappiamo – la scelta delle im­magini a corredo di un articolo dipende talvolta dallo spazio a disposizione ed è spesso dettata dalla fretta di chiudere l’impaginazione. Tutta­via, in un’epoca nella quale i quotidiani si ali­mentano in maniera onnivora dei comunicati trasmessi dagli uffici stampa degli enti pubblici – molto attenti a mettere in buona luce i propri amministratori – la scelta delle immagini pub­blicate non può essere solo casuale.Passando al dunque, campione di apparizioni è il sindaco tifernate Luciano Bacchetta. Lo abbiamo visto in ben 132 fotografie pubblica­te nelle cronache alto­tiberine dei 326 giorni analizzati. Per come lo conosciamo, lui non ci tiene a comparire così tanto; da “vecchio mar­pione” della politica ben sa che non sono questi i sistemi per raccogliere consenso.

Chi sembra tenere molto all’immagine è l’ormai ex vicesindaco e assessore alla cultu­ra Michele Bettarelli. Dopo Bacchetta, è stato lui di gran lunga il più presente nelle fotogra­fie delle cronache loca­li, con 68 apparizioni. Così tante presenze possono essergli state utili per lanciarlo come consigliere regionale. Il pro­blema viene ora che non siede più sugli scran­ni della maggioranza. Riuscirà il Bettarelli a riconvertire l’immagine di operoso assessore cittadino in quella di combattivo consigliere di opposizione regionale? Staremo a vedere…Gli altri assessore comunali, Massimo Massetti (sport e ambiente), Riccardo Carletti (econo­mia, commercio, turismo) e Luca Secondi (la­vori pubblici) grosso modo compaiono lo stes­so numero di volte nelle fotografie: tra 34 e 38. Un po’ più di Rossella Cestini (scuola e urbani­stica), ferma a 28 apparizioni. Invece Luciana Bassini, partita in sordina, zitta zitta ha pian piano recuperato posizioni e li ha sorpassati: in tutto la si vede 44 volte.

Fanalino di coda, ma di parecchio, è l’assessore del settore personale, patrimonio e viabilità, Monica Bartolini, visibi­le solo in un paio di fotografie, all’inizio; poi è scomparsa dai radar.Compaiono assai poco nella cronaca locale dell’Alto Tevere i “pezzi da 90” della politica ti­fernate: la potente ex-assessore regionale Fer­nanda Cecchini (11 volte) e i deputati Walter Verini (3) e Anna Ascani (2). Ma gli esponenti PD recuperano alla grande nella cronaca regio­nale, soprattutto Verini, immortalato in tutte le possibili espressioni facciali da quando è diven­tato commissario del partito. Poco pubblicate dai cronisti locali (finora…) le foto dei boss del­la Lega: il deputato Riccardo Marchetti (6 volte) e il consigliere regionale Valerio Mancini (10).

osservatorio stampa2Ma, da come si è visto nelle ultime elezioni, non sembra che sia stato per loro un problema: il consenso l’hanno raccolto stando più in mezzo alla gente che sui giornali.Riguardo ai consiglieri comunali tifernati, il più raffigurato nelle fotografie è stato il presiden­te del consiglio Vincenzo Tofanelli (15 volte). Poi, quasi per bilanciare – ma solo un pochi­no – l’enorme rilievo dato a sindaco e assessori, compaiono maggiormente alcuni consiglieri di opposizione rispetto a quelli di maggioranza: 14 volte Andrea Lignani Marchesani, 8 Nicola Morini, 7 Vincenzo Bucci, 6 Cesare Sassolini.Tra gli amministratori dei vari enti, l’unico che ha avuto un apprezzabile numero di apparizio­ni fotografiche è il presidente di Sogepu, Cri­stian Goracci, con 10. Di un certo interesse la “competizione” tra i sin­daci dell’Altotevere umbro. La vince alla grande quello leghista di Umbertide Luca Carizia, che abbiamo visto ben 41 volte nelle fotografie del­la cronaca locale; tante, rispetto allo spodestato collega del PD umbertidese Marco Locchi (16). Foto con il sindaco di San Giustino Paolo Fra­tini compaiono 18 volte. Viene poi Mirco Rinal­di, primo cittadino di Montone, con 11, seguito dal nuovo sindaco di Citerna Enea Paladino con 10. Assai meno “visibili” Letizia Michelini (Monte S. Maria, 6 volte) e Mirco Ceci (Pietra­lunga, solo 4).Fin qui politici e amministratori. Se allarghia­mo il campo alle altre personalità della nostra comunità, ci accorgiamo che il più “citato” fo­tograficamente – ben 32 volte – è il comandante della sezione tifernate dei carabinieri Fabri­zio Capalti. Siccome le immagini di copertura degli eventi di cronaca nera ritraggono spes­so le forze dell’ordine, Capalti compare in di­verse di quelle foto.

Ha avuto più “visibilità” lui del vescovo Domenico Cancian, ritratto in 28 immagini. E la cosiddetta socie­tà civile? Qui abbiamo una “campionessa”: è Catia Cecchetti, “co­ordinatrice” di attività culturali della Diocesi tifernate. Con 15 appa­rizione fotografiche, sembra godere della bene­volenza delle redazioni dei quotidiani assai più di ogni altra personalità del mondo associativo e istituzionale locale, citate fotograficamente in pochissime circostanze. 

di Valentino Rocchiana


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00