Sabato, 26 Settembre 2020

libreria acquista online

La mappa di un viaggio interiore

Assisi. Convegno annuale della Associazione Italiana Enneagramma: percorsi Verticali e orizzontali

image 073Fin dove possiamo arrivare qui e ora nel cammino verticale verso l’Assoluto, sia questo il Dio del Libro oppure il Logos sotteso alla Coscienza Universale? Fino a che punto l’esercizio della consapevo­lezza di sentire il nostro corpo in fortissima unione con il “tutto”… ci consente di sfiorare il luogo del divino che abita nel cuore di ciascuno di noi e di trovare la vera pace?Questo il tema dell’annuale convegno naziona­le dell’A.I.E. (Associazione italiana Enneagram­ma) dal titolo “Enneagramma: percorsi vertica­li e orizzontali”, Assisi, 3/5 Gennaio 2020.L’Enneagramma è una disciplina molto antica, tramandata oralmente fino a poco più di cen­to anni fa, le cui tracce storiche ci riportano a Pitagora (VI sec a.C.), ai padri della Chiesa (IV sec d.C.) e ai maestri sufi di tradizione islamica (VII - VIII sec. d.C.). Da più di 2000 anni sulla base della stessa mappa circolare su cui sono disposti 9 enneatipi (ennea = nove gramma = disegno) si può studiare la personalità degli es­seri umani, che sono chiamati a raggiungere l’equilibrio fra le possibilità della mente-pen­siero, del cuore-emozione e dell’istinto-azione: i tre centri vitali di ogni individuo. In estrema sintesi si tratta di un metodo che ci permette di conoscerci meglio, di svelare le passioni (vizi) e gli autoinganni dell’ego per trasformarli gra­datamente in virtù, ovvero le migliori qualità potenziali di ogni enneatipo.

Questa evoluzione, a cui possiamo accedere soltanto con un rigoroso lavoro di autosserva­zione, che ci permette il risveglio della coscien­za, è il “fiorire dell’anima”, la crescita psicologi­ca e spirituale che appartiene a tante tradizioni religiose e filosofiche.Il convegno è stato un mix fra gli interventi te­orici da parte del relatore Russ Hudson, inse­gnante newyorkese di Enneagramma fra i più accreditati del mondo e autore di numerosi li­bri, di cui molti attendono la prossima tradu­zione in italiano, ed esercizi di condivisione a piccoli gruppi per esplorare le profondità dell’a­nimo, al di là o meglio al di sotto delle emo­zioni e dei sentimenti reattivi più superficiali.

Al centro delle attività proposte le indicazioni teoriche e pratiche - a partire dalla rabbia, dalla paura…, l’invidia, l’avarizia, l’orgoglio, la vani­tà… che inquinano la vita quotidiana di ognuno - per approdare a quello stato di serenità e di quiete interiore che contraddistingue il nostro essere più autentico. Si tratterebbe secondo alcuni maestri spirituali dello stesso cammino annunciato da Gesù di Nazareth: “Io sono la via la verità la vita”.Anche grazie alle domande e alle testimonian­ze dei numerosi partecipanti, Russ Hudson ha spiegato come dalla personalità che ci caratte­rizza inevitabilmente fin dai primi anni di vita al pari di uno scudo difensivo dalle ferite più profonde dell’animo (ferite di umiliazione, di tradimento, di rifiuto o di ingiustizia…) è pos­sibile risalire alla “essenza”.

Altre tradizioni parlano del vero “sé”: è il risultato del decondi­zionamento dalle strutture automatiche di pen­siero, di comportamento e di sentimento, che si sono stratificate a causa dell’educazione e delle convenzioni sociali che ben conosciamo e che ci hanno indotto alla costruzione inconsapevo­le delle maschere con le quali ci presentiamo a noi stessi prima ancora che al mondo. Ma per destrutturare veramente quelle ma­schere che di solito siamo bravissimi a ricreare immediatamente dopo averle diligentemente abbattute… per fare il salto quantico verso la luce della coscienza - si è sottolineato - ci vuole umiltà e intelligenza del cuore, e forse un gran­de coraggio.«Non tutti riescono ad arrivare a trascendere le proprie passioni, a espandere la consapevolez­za del proprio essere, a lasciar andare abitudini e certezze consolidate, perché il cambiamento è doloroso e faticosa l’incertezza dell’ignoto... ma va bene così: siamo nel campo della libertà umana più intoccabile – afferma Ornella Scara­muzzi, presidente dell’A.I.E, che ha presentato il convegno – Se i percorsi orizzontali dell’En­neagramma ci conducono allo sviluppo di nuo­ve capacità attraverso l’assunzione di nuovi comportamenti e strategie nella soluzione dei problemi della vita e nelle relazioni umane, il percorso verticale è un viaggio nella profondità dell’io in cui scopriamo i condizionamenti in­consci e le ombre della personalità e che con compassione, gentilezza e perseveranza ci con­duce alla vera liberazione”

 

viaggio interiore1La bellezza di questo percorso verticale, come sostiene Russ Hudson, consiste proprio nello sperimentare che il dolore più o meno nascosto nell’animo di ogni uomo si può trasformare in pienezza del cuore, in accettazione e perdono di se stessi innanzitutto e dei nostri simili, nell’A­more, che ci rende “perfettamente umani”.C’è una disfunzionalità più che evidente nell’uomo del nostro tempo che viviamo anche noi come disagio, senso di mancanza, anelito di trascendenza, che tuttavia spesso appare ri­cerca di appagamento egocentrico, una sorta di homo homini lupus - filosofi e psicoanalisti ce lo hanno spiegato molto bene - e del resto la fol­lia che oggi sembra assumere i caratteri dell’au­todistruzione che imperversa parimenti nelle regioni del nostro pianeta è qui a dimostrarce­lo. Ma oggi come ieri la meravigliosa possibilità di “tornare a casa” - per usare la metafora di Hudson – nel regno assoluto della coscienza in cui cielo e terra si uniscono… è sempre a nostra disposizione. Conosci te stesso (o come recita una successiva versione Conosci te stesso e conoscerai Dio) è il motto che dal tempio di Delfi (IV sec. a.C.) la saggezza del mondo greco antico ha consegna­to alle generazioni di tutta la civiltà occidenta­le. La sfida è ancora aperta: per i singoli e per l’umanità intera. 

di Daniela Mariotti


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00