Martedì, 24 Novembre 2020

libreria acquista online

Conoscenza e felicità

DOSSIER:  Raimon Panikkar: un pensatore profetico

silvia romano2

In una conversazione con il Dalai Lama, il quale sosteneva che c’è in tutti gli uomini un anelito alla felicità, Panikkar gli osserva che esiste un’altra forma inscritta nella natura: il desiderio di potere. Nella Metafisica di Aristotele c’è una frase significativa: «Tutti gli uomini per natura vogliono conoscere», ma non si identifica con la scienza, è soprattutto godere di poter essere coscienti di quello che sai. Questa aspirazione al potere sembra innata nell’uomo: egli vuole conoscere i segreti della scienza, i misteri del cosmo, se stesso e tante altre cose. E sapere vuol dire gustare, assaporare.

Inoltre l’uomo non può conoscere tutto, perché non ci è dato. Occorre accettare i limiti umani, ma non si può arrivare a una consapevolezza del tutto. Togliere tutti i veli del mistero è la hýbris di cui parlavano i greci. La veste rivela nascondendo e la bellezza consiste nel fatto che c’è un velo che rivela e nasconde e nascondendo rivela. La tentazione della ricerca è di togliere tutti i veli del mistero.

Per Panikkar non si può reprimere la sete di conoscenza e nemmeno ridurla a un impulso irrazionale. È una tensione che va coscientizzata, come ricorda il dialogo fra il monaco Râdha e il Buddha. «Oh, Râdha, tu non conosci i limiti della tua domanda». Per domandare e investigare razionalmente devi essere cosciente che il metodo che usi è già limitato, che chiedi una cosa limitata e che solo una risposta limitata può convenire a una risposta limitata.
È necessario recuperare tutto il dinamismo del pensiero simbolico che è più ampio e universale del concetto. Il simbolo non è mai univoco come il concetto, è sempre analogo e spesso è stato dimenticato. È polisemico, non può essere manipolato con la pretesa di oggettività e di immutabilità, perché lo stesso simbolo può significare una cosa per me e una diversa per l’altro. Perché nasca l’accordo è necessario includere il cuore, superando la dicotomia tra conoscenza e amore. Parlando di universali culturali, Panikkar ricorda un episodio che gli è accaduto a Vārānaṣi: alcune scimmie si sono introdotte nella stanza e hanno mandato all’aria tutte le sue carte. Ma più sorrideva con un atteggiamento accogliente, più esse mostravano i denti e le unghie in segno di guerra. Questo simbolo, che per gli esseri umani è segno di pace, non lo era per le scimmie. Nemmeno tra gli uomini ci sono simboli culturali universali. ◘

Brano tratto dal libro Raimon Panikkar uomo plurale di Achille Rossi, Ed. l'altrapagina


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00