Sabato, 16 Gennaio 2021

libreria acquista online

Com'è triste Assisi...

Attualità

silvia romano2

Assisi rattrista. Un borgo medievale di pietra, muri rosa e bianchi. Archi, torrioni, altane, balconi, bifore, fontane, scale, rampicanti… e facciate di chiese di una bellezza armoniosa e abbagliante, che stupisce anche chi molte altre volte è passato di qui.
Questo è lo sfondo, lo scenario. Ma qui sopra è stato montato uno spettacolo che tutto sfrutta e stravolge:
usando S. Francesco – ben più che qualsiasi altra “tradizione umbra” – il borgo luminoso è stato trasformato in una rivendita di coccetterie e cianfrusaglie. La riduzione a merce di questa città antica e con un’importante storia è un’operazione di violenta e crudele amputazione. Tutto è destinato al turista (religioso o no), niente o molto poco per la vita quotidiana dei residenti (forno, alimentari, barbierie, cinema…). Del resto gli abitanti dentro le mura sono scesi a solo qualche centinaio.
Perché?
È una domanda che va posta per trovare la via del rimedio, per CAMBIARE la destinazione d’uso di questa città. Lo stravolgimento e la mercificazione delle città d’arte e di storia è drammatico evento moderno che ferisce gran parte d’Italia, Firenze e Venezia in vetta alla lista. Assisi, però, ha di specifico la duplice origine della sua mercificazione: turismo senza aggettivo e turismo religioso. Dovrebbe per questo essere più scandalosa la sua riduzione a banale Disneyland.

di Anna Serena Bartolucci


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00