Martedì, 27 Luglio 2021

libreria acquista online

Il rabbino che danzava

Un racconto hasidico

Gli ebrei di una piccola città della Russia

aspettavano in ansia

l’arrivo di un rabbino.

Era un avvenimento molto raro, perciò essi prepararono a lungo le domande

che intendevano porre al maestro.

Quando finalmente questi arrivò e partecipò a un incontro organizzato nella sala consiliare,

poté avvertire la tensione che era nell’aria mentre essi si disponevano ad ascoltare le risposte ai loro quesiti.

All’inizio non disse nulla, ma si limitò

a guardarli negli occhi,

modulando a bocca chiusa

un motivetto orecchiabile.

Presto tutti lo imitarono,

allora egli cominciò a cantare

ed essi fecero lo stesso.

Si mise a danzare,

ondeggiando con movenze solenni e cadenzate,

seguito da tutti i fedeli.

A poco a poco la danza con i suoi movimenti assorbì la loro attenzione

al punto da far loro dimenticare ogni altra cosa

e ciascuno ritrovò la sua integrità,

poiché era stato guarito

dalla frammentazione interiore

che impedisce di raggiungere la verità.

Trascorse quasi un’ora prima che la danza a poco a poco cessasse.

La stanza era immersa in un silenzio

colmo di pace e tutti sedettero,

come liberati da una forte tensione interiore.

Allora il rabbino pronunciò le uniche parole di tutta la serata:

«Confido di aver risposto alle vostre domande».

(Tratto da La preghiera della rana di Anthony De Mello)


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00