Domenica, 26 Settembre 2021

libreria acquista online

Non bruciateci il futuro

P.N.R.R. dell’Umbria 2021/2026 - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

silvia romano2

Nell’Italia che arranca durante la pandemia da Coronavirus, la gestione dei rifiuti potrebbe sembrare una questione di peso minore. Eppure, che la “verde” Umbria possa diventare lo snodo e il punto di chiusura del ciclo dei rifiuti dell’Italia centrale non è cosa che possa dirsi trascurabile.

Mentre gli spot a cura della Regione Umbria continuano a magnificare la qualità dei territori per promuoverne lo sfruttamento a fini turistici, le scelte della Regione a trazione leghista governata da Donatella Tesei sembrano andare in tutt’altra direzione.

A Giovanni Vantaggi, medico, presidente della sezione provinciale di Pg Isde-Italia, Associazione dei Medici per l’Ambiente, abbiamo posto qualche domanda.

Si sente, in ambiti diversi, sempre più parlare di “svolta green”. Nel caso in questione, a Gubbio, ma lo stesso potrebbe avvenire in altre parti d’Italia, i rifiuti verrebbero bruciati nei forni degli impianti di Colacem e delle Cementerie Aldo Barbetti. È così? E che cosa significa bruciare i rifiuti in questi impianti?

«Nel maggio 2020 furono richieste le autorizzazioni semplificate per sostituire parte del petcoke (rifiuto tossico nocivo ma nel 2002 trasformato, con D.L. da Matteoli, in combustibile) con 50.000 tonnellate per ciascuna cementeria di Css (Combustibile solido secondario), prodotto da 53 rifiuti elencati nel decreto Clini in vigore dal 29/3/2020: plastiche, rifiuti urbani non compostati, vernici, gomme, scarti animali…

1 non bruciateci il futuro mese lugllio 2021

Bruciare questi rifiuti va ad aggravare ulteriormente le emissioni di sostanze non biodegradabili, dalle diossine ai metalli pesanti ecc…».

Si sente anche dire che bruciare rifiuti è una pratica compatibile con l’economia circolare.

«Assolutamente no. L’economia circolare si basa sul riciclo e riuso, non certo sulla produzione di energia. Su questo l’Unione europea è chiarissima.

Rimando alla Gazzetta Ufficiale UE del 18 febbraio 2021 e ai criteri che impongono di non causare danni all’economia circolare e che escludono espressamente il ricorso all’incenerimento».

Ulteriore incongruenza con la normativa UE.

«La Direttiva 2008/98/CE costituisce il presupposto per la cessazione della qualifica di rifiuto, ma in essa è dichiarato: «L’utilizzo della sostanza o dell’oggetto non porterà a impatti complessivi negativi sull’ambiente o sulla salute umana». Tanto che il comma 2 dell’art. 1 dello stesso Decreto Clini, subordina l’utilizzo del Css nei cementifici al fatto che il suo utilizzo avvenga “senza pericolo per la salute dell’uomo e senza pregiudizio per l’ambiente, e in particolare: a) senza creare rischi per acqua, aria, suolo e per fauna e flora; b) senza causare inconvenienti da rumori e odori; c) senza danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente”».

E poi si può davvero trattare di un recupero di materia “virtuoso”?

«Assolutamente no! Virtuoso è ciò che indica l’Europa: un rifiuto mediante il riciclo e il riuso deve tornare a essere prodotto secondo l’aforisma che ogni prodotto deve essere progettato e costruito per servire nuovamente: “dalla culla alla culla”».

2 non bruciateci il futuro mese lugllio 2021Le due cementerie di Gubbio non sono poi limitrofe a zone abitate?

«Sì. Quella di Barbetti è praticamente inserita nel tessuto urbano della periferia di Gubbio (Madonna del Ponte a poche centinaia di metri da due scuole primarie e a circa 2 km dal centro storico).

Colacem è più periferica ma prossima alla frazione più popolosa di Gubbio, Padule (2 km). Tra le due cementerie, disposte a morsa rispetto alla conca eugubina, c’è una distanza di 10,2 km».

I cittadini di Gubbio, negli ultimi mesi in modo partecipato, hanno espresso la loro preoccupazione per i rischi che ne verrebbero per la loro salute.

«In effetti non mi sarei mai aspettato una presa di coscienza così forte da parte di tanti cittadini. Costituitisi in comitato, organizzando incontri e convegni, hanno informato la cittadinanza sulla situazione determinatasi nel nostro territorio dopo 110 anni cumulativi da parte di due industrie insalubri di classe 1».

Preoccupazioni fondate...

«Sicuramente sì. Per questo anche l’Amministrazione comunale, dietro suggerimento di Isde, ha costituito l’Ecodistretto per lo studio dello stato delle matrici ambientali di Aria, Acqua, Suolo, grazie al contributo di Università che hanno già fatto esperienze simili nel ternano.

Non solo. L’Ecodistretto vuole essere un soggetto formato, oltre che dagli amministratori, anche dagli imprenditori (produttori di rischio) e dai rappresentanti dei cittadini (esposti involontari) per fare scelte condivise secondo gli articoli: 32, 41 e 42 della Costituzione».

Eppure il Registro Tumori, i cui dati sono fermi al 2016, evidenziava quante patologie gravi fossero collegate all’inquinamento degli impianti che producono il cemento.

«Purtroppo sì. Dopo l’utilizzo del petcoke il Comune di Gubbio da grigio è passato a rosso!» ◘

di Maurizio Fratta


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00