Domenica, 26 Settembre 2021

libreria acquista online

Verso un nuovo cammino di fraternità

silvia romano2

Nella seconda metà del Novecento sono avvenuti due episodi di valenza storica che hanno dato un impulso rilevante allo sviluppo di un dialogo ebraico-cristiano: l’enciclica Nostra aetate promulgata da Papa Giovanni XXIII durante il Concilio Vaticano II nel 1965 e la visita di Papa Giovanni Paolo II alla Sinagoga di Roma nel 1986. Da allora tanto tempo è trascorso e molti passi sono stati fatti in avanti, qualche volta anche indietro, proprio a testimonianza del fatto che il dialogo è necessario e fondamentale per creare una buona società. Purtroppo poi la società non sempre segue gli insegnamenti e le indicazioni che dal dialogo interreligioso scaturiscono: forse dobbiamo ancora ragionare sullo scopo per il quale vogliamo dialogare.

Rav Giuseppe Laras, amico intimo e per moltissimi anni contraltare dialogante del cardinale Carlo Maria Martini, asseriva che lo scopo del dialogo “è quello di toccarsi, di conoscersi e riconoscersi vicendevolmente, puntando sul rapporto umano e gradualmente sul principio della fraternità fra ebrei e cristiani e sulle origini e i principi comuni a queste due grandi religioni”.

Il dialogo è oneroso, ma necessario: ci vuole tanta pazienza perché i passi da fare in questo percorso sono molti e, a volte, ogni passo nasconde un inciampo. Oggi ci troviamo davanti ad un’umanità sempre più smarrita, che fa fatica a concepire progetti per il futuro. In questa prospettiva, attraverso il dialogo, dobbiamo dimostrare la nostra fedeltà ai valori e ai precetti che, con distinte peculiarità, caratterizzano le nostre fedi. Dobbiamo ribadire la fiducia che, attraverso un fecondo dialogo tra esseri umani, si possano indicare valori morali e spirituali nei quali operare in sintonia; essere quindi un esempio positivo, una testimonianza di speranza.

3verso un nuovo cammino di fraternita mese lugllio 2021Gli auspici sono quelli di un’amicizia e di una collaborazione ebraico-cristiana sempre più stretta e autentica, un’amicizia che deve portare a risultati concreti: quelli dell’intervento nella società. Insegnare valori ma anche, e soprattutto, mostrare azioni. Quindi il tema della solidarietà e dell’attenzione per chi sta soffrendo di più in questo momento è veramente un tema centrale. Quest’anno, nella giornata del dialogo, abbiamo analizzato il libro biblico dell’Ecclesiaste/ Qohelet che tratta la questione del senso della vita, del senso dell’investimento umano, delle sue sofferenze.
Cosa ci sta a fare l’uomo quando tutto potrebbe essere vanità? Ma è tutto vanità oppure nella nostra vita qualche cosa ha un senso?

Nel momento in cui un intero sistema di organizzazione delle nostre esistenze è in crisi a causa di questa pandemia, dobbiamo, come Qohelet, porci domande e aiutare coloro che sono smarriti a fare altrettanto per impostare un nuovo percorso di cammino verso il vero senso della nostra esistenza.

Adolfo Aharon Locci
Rabbino capo di Padova


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00