Lunedì, 16 Maggio 2022

libreria acquista online

WALTER PILINI poeta giocoso e scanzonato

E sia poesia.

silvia romano2

La sua poesia si “nutre” del dialetto perugino. I suoi versi scanzonati, irridenti, disincantati, diventano quel profumo di “bigarumi” che Walter sa amalgamare ed esaltare. Parole ricercate e semplici come coloratissimi fiori di campo che regalano la bella stagione. Una autoironia che distende un velo di malinconia e rimpianto e ricerca un “ozio” tutto latino, che, come sottolinea Renzo Zuccherini, è “attaccamento alle radici, al luogo che dà senso al mondo.

Nato a Perugia nel 1948, Walter Pilini è laureato in Materie letterarie con una tesi in Paleografia latina. Nella scuola di Chiugiana ha insegnato per più di trent'anni e condotto significative esperienze pedagogiche. Ha collaborato con la Cattedra di Dialettologia italiana dell’Università di Perugia per la Toponomastica. È autore di numerose raccolte poetiche, alcune delle quali pubblicate con lo pseudonimo di "Quartilio". È uno dei fondatori dell’Associazione di Cultura Dialettale e Popolare “Il Bartoccio”. Ricordando le sue innumerevoli pubblicazioni, ci piace segnalare Bigarumi, spigolature estive e divertissements extra-vaganti e Via...Gra, fatti e misfatti inverosimili per le vie perugine. È bene segnalare che le poesie scelte in questa occasione sono state pizzicate qua e là da 39, corso bersaglieri e Pensieri in/versi, Porzi editore.

È arrivato anche il momento di goderci alcuni degli Haiku (poesia giapponese composta di 17 sillabe ripartite in gruppi di 5,7,5) che Pilini declina in dialetto: ◘

 

Aguardo la clessidra

la réna s'è amucchiata

‘l temp é più poco

So’ stato ‘n cane sciolto

cussì, senza padrone,

col summio mai sepolto

de la rivoluzione

Trent'anne, laureato

va ‘n cerca de’n lavoro...

So sempre più ‘ncazzato:

ch'avén fatto per loro?

Si è vér che i Talebani énno Studenti

ta me me sa ch'én tutti ripetenti

(Guardo la clessidra

la sabbia s'è ammucchiata

il tempo è poco)

(Sono stato un cane sciolto

così, senza padrone,

col sogno mai sepolto

della rivoluzione)

(Trent'anni, laureato,

va alla ricerca di un lavoro...

Sono sempre più incazzato

Che cosa abbiamo fatto per questa generazione?)

(Se è vero che i Talebani sono studenti

sono dell'avviso che forse siano tutti ripetenti)
 
       

 

 

Callato è ‘l sole

dietr'a l'ultimo toppo

abuja ‘l giorno

M'assilla l tempo

me illudo d'afermallo

ma vò con lu

Le lale spunte

epur vorrìa golàe

per ducasìa

Calato è il sole

dietro l'ultima collina

annotta)

(M'assilla il tempo

mi illudo di fermarlo

ma vado con lui)

(Le ali spuntate

eppure vorrei volare

da qualsiasi parte)
 
       

di Giorgio Filippi


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00