Sabato, 26 Novembre 2022

libreria acquista online

A roma tra papi, api, vigne e musei

ARTE di Maria Sensi.

silvia romano2

E se andassimo al Museo civico di zoologia (via Ulisse Aldrovandi 18, Roma) a visitare (fino al 29 maggio) la mostra “La via delle api”? Il percorso espositivo ci guida alla scoperta del ciclo vitale di questi preziosissimi insetti, alla loro organizzazione sociale e al loro ruolo fondamentale nell’impollinazione delle piante. Le api rivestono un’importanza cruciale nel mantenimento della biodiversità e noi tutti dobbiamo proteggerle, assumendo comportamenti che le aiutino a sopravvivere. Ne va, peraltro, della nostra stessa esistenza, in quanto l’80% del cibo che mangiamo è frutto di questi e di altri impollinatori.

Dopo il miele e la propoli, l’uva. Chi penserebbe di trovare una vigna nei giardini di Villa Giulia? Ebbene, per spiegare il rapporto degli antichi Etruschi col vino, nel museo romano ad essi dedicato sono stati messi a dimora dei filari, coinvolgendo il capitolino Istituto agrario “Garibaldi”. Da notare che la vite è rappresentata negli affreschi dell’emiciclo della Villa; il vitigno era sicuramente presente nel giardino che, nel Cinquecento, si snodava, tra boschi e viali, dalla Via Flaminia alle colline dei Parioli. Ospitato nel “luogo ameno” di papa Giulio III, il museo merita una visita (anche da parte degli astemi) per i capolavori ivi conservati.

a roma tra papi api vigne e musei altrapagina mese aprile 2022 3Da un papa a un cardinale, a Roma il passo è breve. Fino al 22 maggio la Galleria Borghese presenta una mostra che ruota attorno al ritrovato dipinto di Guido Reni Danza campestre (1605 circa). Il quadro, citato negli inventari seicenteschi del cardinale Scipione Borghese, poi venduto, è tornato da poco a far parte della collezione. Sottolinea sia l’importanza della committenza Borghese per il bolognese Reni (1575-1642) che l’interesse del pittore per il soggetto campestre e la pittura di paesaggio. L’esposizione ricostruisce i primi anni del soggiorno romano di Reni, il suo studio dell’antico e del Rinascimento, lo “shock” subito alla visione della pittura di Caravaggio (da lui conosciuto e frequentato), come si può notare nell’opera Paolo rimprovera Pietro penitente.

Alla Centrale Montemartini (via Ostiense 106), impianto pubblico per la produzione di energia elettrica trasformato in museo archeologico, segnaliamo la mostra sui mosaici dalle Collezioni Capitoline (fino al 15 giugno). Analizzando lo sviluppo di Roma dall’età repubblicana a quella tardo-antica, il percorso illustra tutti i tipi d’arte musiva. Spicca il mosaico parietale (una nave salpa da un porto) proveniente dalla domus di Claudius Claudianus sul Quirinale (II sec. d.C.). Lo spazio del sacro è illustrato dalla Basilica Hilariana, sul Celio, sede del collegio dei sacerdoti preposti al culto di Cibele e Attis. L’edificio fu eretto grazie al ricco mercante di perle Manius Poblicius Hilarus. Di lui vediamo il volto, su un mosaico, e la base della sua statua ubicata all’ingresso della Basilica. Nella sezione funeraria si distingue una composizione musiva ottagonale con pavoni: l’uccello, che ogni anno perde la coda e la rimette in primavera allo sbocciar dei fiori, era sacro a Dioniso e simboleggiava la rigenerazione oltre la morte.

La dicotomia vita/morte viene esaminata ancora oggi ed esempio ne è Bill Viola, video artist nato negli Usa nel 1951. Una retrospettiva a Palazzo Bonaparte (fino al 3 luglio) narra i viaggi più intimi e spirituali da lui intrapresi da oltre 40 anni, attraverso videoinstallazioni e videoproiezioni, avvolgendo i visitatori nella magia di opere quali Ascension (2000) e Water Portraits (2015). ◘

di Maria Sensi


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00