Domenica, 23 Giugno 2024

libreria acquista online

Un decalogo nazionale contro le molestie di genere

Rubrica. Il corpo delle donne

silvia romano2

Forse qualcuno ricorderà i fatti, le denunce e le polemiche susseguenti al raduno degli Alpini a Rimini  quasi un anno fa, quando molte ragazze furono molestate durante il loro lavoro nei bar e nei ristoranti della città. A buon titolo dunque  l’Associazione nazionale delle penne nere ha pubblicato un manuale di consapevolezza,  un vero e proprio manifesto che rientra nel programma di sensibilizzazione e divulgazione contro le molestie e la violenza di genere e che coinvolge tutte le sezioni del corpo d’arma.

Nel documento si legge che non si esprimono  appezzamenti fisici ad alta voce: questi  non sono approcci consentiti e nemmeno atti di goliardia. Sono molestie vere e proprie, che creano insicurezza soprattutto in certe situazioni. Ovviamente non si tocca qualcuno senza il suo consenso esplicito.

Molto importante è analizzare la relazione dentro il cui perimetro si compiono certe azioni: se si ha un rapporto di conoscenza o di amicizia o di lavoro  con il possibile molestatore oppure no.  Se quest’ultimo ha  ricevuto il consenso esplicito della donna interessata per inoltrare complimenti, per fare avances di natura sessuale o per avere un contatto fisico. Se la risposta è “no” ad almeno una di queste situazioni, simili  comportamenti sono considerati molestie. Del tutto rilevante inoltre è il contesto, cioè il “dove” ci si trova e “con chi”. Essere da sole per strada oppure in un luogo affollato, trovarsi di fronte a uno o a più uomini invadenti, fa la differenza. Chi è presente all’atto indesiderato, sebbene non coinvolto direttamente, è sollecitato a intervenire in difesa delle vittime, perché restare indifferenti significa schierarsi dalla parte dei molestatori. E infine non giustificare i malfattori  con le solite frasi “gli uomini sono fatti così”.

In effetti di decaloghi su questo stesso tema ce ne sono diversi, sottoscritti da numerosi soggetti: la CGIL Toscana, l’Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo, l’Ospedale Niguarda, Telefono donna… per citarne solo alcuni.  Forse il Ministero delle Pari Opportunità potrebbe redigerne uno “nazionale”, ben fatto (se è lecita la sottolineatura, visti alcuni precedenti) da diffondere almeno nelle scuole e nelle amministrazioni pubbliche? ◘

Di Daniela Mariotti


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00