Mercoledì, 30 Settembre 2020

libreria acquista online

Tempesta in Vaticano

Il Sinodo sull’Amazzonia aveva invitato i vescovi a trovare solu­zioni nuove per la mancanza di preti in quella zona, accoglien­do uomini sposati in grado di presiedere l’Eucaristia e di promuo­vere l’evangelizzazione. Papa Fran­cesco avrebbe studiato la questione, senza però abolire il celibato sacer­dotale da lui considerato un dono.

C’è voluta l’astuzia del cardinale Sa­rah, noto integralista, a far uscire un libro firmato da Ratzinger, in cui si chiede che il celibato non sia messo in discussione. Un’autentica bomba che crea qualche problema a Bergo­glio, che si trova alle prese con un cattolicesimo sempre più chiuso e meno evangelico. Benedetto ha ri­tirato la firma dal libro che però è già stato stampato in Francia, da Fa­yard, con l’immagine di Ratzinger e del cardinale Sarah, per la gioia dell’ultradestra transalpina.

Un’ingenuità del Papa emerito o la sintonia con ambienti curiali che mal digeriscono l’azione riformatri­ce di Francesco? Difficile dirlo. Una cosa è certa, nel cattolicesimo con­temporaneo si diffonde un disagio crescente, come se ci trovassimo di fronte a due papi e ciascuno potesse scegliere a suo piacimento. Salvini, ad esempio, ha scritto sulla magliet­ta: “Il mio Papa è Benedetto”, come se avesse dimenticato il Concilio Vaticano II e gli insegnamenti evan­gelici.

È però una operazione politica che nasce a Washington per scalzare l’impegno di papa Francesco, con il suggerimento dell’ineffabile Steve Bannon che ha diretto la campagna elettorale di Trump e voleva impian­tare una scuola sovranista in Italia. Avrebbe soldi, appoggi e spinte. I ve­scovi italiani dovrebbero svegliarsi dal letargo in cui sono sprofondati. La casa crolla.

Redazione latrapagina.it - Immagine tratta da Ansa.it


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00